Andrea Facco. Elogio alla Pittura

Year 2022
Format24 x 28 cm
Pages 224
Coverhardback
LanguageItalian
ISBN 979-12-80049-39-1

 23,75

5% off

Free shipping in Italy for orders over 28,00 euros

Nell’excursus perseguito da Andrea Facco emerge come il suo approccio ai problemi dell’arte e della rappresentazione avvenga utilizzando sempre l’arte del dipingere: non rinnegando mai la techne, ma ponendo al contrario il fare su un piano paritetico e complementare al pensare. Cercando di entrare nella logica del suo operato, per individuare il motivo fondante che muove una ricerca risolta essenzialmente come narrazione per immagini, non temiamo di essere smentiti affermando che la pittura è sempre al centro della sua poetica. Del resto, se dovessimo incasellare il suo lavoro nelle logiche dell’arte contemporanea, lo dovremmo definire un artista concettuale che non rinuncia a dipingere, ma soprattutto che lo sa fare con eccezionale maestria. È un elogio della pittura, quindi, il suo; un’apologia che ha il sapore dell’inattualità, in alcuni casi, articolata in sequenze, brani di un discorso amoroso che ha avuto inizio per Facco dai tempi lontani dei primi disegni e che si è fatto via via più complesso, man mano che la sua mente entrava nel dispositivo pittorico scomponendo il meccanismo che lo regola. Per farlo l’artista ha avuto bisogno di sondare le diverse figure retoriche che regolano il nostro approccio percettivo all’idea di quadro, spaziando nei percorsi della storia dell’arte per fermarsi e approfondire un tema quando i suoi occhi incontravano un artista o un’opera che potessero fargli gioco. Non a caso, per spiegare il modus operandi di Facco, utilizziamo questa espressione. Egli gioca infatti mischiando i ruoli e le regole della dimensione pittorica con la disinvoltura di chi ne padroneggia i segreti e fa giocare noi, in qualità di spettatori, muovendo il nostro sguardo come farebbe uno scacchista esperto che dirige le sorti della partita prevedendo le mosse dell’avversario. […]