L’orMa. Un cammino nell’arte per lasciare il segno

Serena Redaelli

Year 2024
Format24 x 28
Pages 208
Coverhardback
LanguageItalian/English
ISBN 979-12-80049-70-4

Original price was: € 29,00.Current price is: € 27,55.

5% off

Free shipping in Italy for orders over 28,00 euros

nuovo appuntamento della collana “Giovani Artisti alla soglia del nuovo Millennio”, ideata da Volker Feierabend e promossa dalla VAF-Stiftung per i tipi di Manfredi Edizioni, riassume nel titolo, L’orMa. Un cammino nell’arte per lasciare il segno, l’attività di un giovane artista la cui ricerca, traendo ispirazione tanto da maestri del passato, quali Leonardo e Bosch, quanto del presente, come Stefano Arienti e Bertozzi & Casoni, ha come scopo principale quello di rendere l’opera il più durevole possibile, così da lasciare un segno, malgrado la consistenza effimera dei materiali impiegati.
Spaziando dalla ceramica alla carta, dalle foglie alla polvere di cemento, dalla tela all’intervento manuale su fotografia, L’orMa (pseudonimo di Lorenzo Mariani, classe 1985) manipola instancabilmente la materia per sondarne le possibilità inesplorate e sfidarne i limiti con spirito e abilità da miniaturista, nel costante tentativo di restituire valore all’artigianalità dell’atto creativo e della funzione sociale dell’arte. Attraverso un approfondito saggio introduttivo e un ricco repertorio iconografico di opere, raggruppate per media al fine di rendere la consultazione ancora più agevole, il volume, curato da Serena Redaelli, presenta la produzione artistica di Lorenzo Mariani fin dagli esordi, evidenziandone la volontà di sfuggire a ogni tentativo di definizione e classificazione per dare spazio a una libera e incessante sperimentazione, elaborata al di là di mode e cliché.
In fondo, tutta l’arte di L’orMa è contraddistinta da una ricerca di libertà, di cui il volume offre ampia testimonianza. “Libertà di poter dare nuovo valore a materiali che hanno tradizionalmente destinazioni d’uso e funzioni predefinite. Libertà di poter reinterpretare ciò che accade qui e altrove, in un tempo già passato e in uno futuro, ancora in divenire. Libertà di poter lavorare con acribia nell’intimità del suo studio per riuscire a sorprendere e sentirsi a sua volta sorpreso”.